Oh Dio è così grande, ho pensato per la centesima volta, il mio sguardo fisso sulla grande testata, molto più grande di quella di Jason o di Billy, gli unici che avessi mai visto. Leccandomi le labbra, mi chiedevo cosa avrebbe provato a passare la lingua sulle sue palle e sulla sua lunga asta, come mi sarebbe venuta la testa grassa tra le porno gratis mie labbra porno gratis e quello che il suo sperma avrebbe avuto come se avesse gocciolato nel mio gola affamata.

Sapevo per esperienza che non si sarebbe svegliato se non avessi fatto qualcosa di pazzo, che sarebbe stato quasi impossibile svegliarlo una volta che si fosse addormentato. "Oh dottore, per favore, fa 'che la tua piccola figlia si senta meglio," mi misi silenziosamente alla sua forma inerte mentre scivolavo sotto il lenzuolo e mi mettevo a contatto con lui.

Mi aveva sorpreso la prima volta che mi ero coricato nel letto accanto a papà mentre dormiva e lo avevo sentito irrigidirsi, pensando all'inizio che doveva essersi svegliato. Fu solo dopo aver passato un certo numero di notti nel letto di papà che mi ero reso conto di quanto spesso avvenivano le sue erezioni, e quante volte passava il tempo in cui il suo pene si allungava e ingrassava come sognava. Avevo imparato a deliziare la sensazione della sua durezza nei miei confronti.

Negli ultimi quattro mesi, durante il sonno, mi ero imbattuto occasionalmente nel letto di papà, anche se quasi tutte le sere stavo solo due o tre ore prima di fuggire di nuovo nella mia stanza, con la mia fica che mi scappava via. Solo due volte mi sono trattenuto fino alla mattina, ma entrambe le volte si è svegliato per trovarmi vestito in modo sdolcinato nei miei più conservatori p.j., accettando sempre le mie scuse scomode per essere lì, senza sospettare di rimanere nudo tra le sue braccia per ore.

La prima volta che eiaculava mentre ero sdraiato accanto a lui ero rimasto sbalordito, sicuro che lui doveva essere sveglio mentre i suoi ciuffi rossicci si schizzavano contro lo stomaco e le cosce. Sono fuggito da quella prima volta, mentre la sua crema appiccicosa mi colava sulle gambe mentre correvo, ma non riuscivo a smettere di ridacchiare mentre mi buttavo sul letto. Ho assaggiato lo sperma di papà per la prima volta quella notte, immergendo il dito ancora e ancora attraverso la crema gocciolante, godendomi dell'aroma e del sapore mentre succhiavo il suo seme dal mio dito.

Da quella prima sera avevo visto spesso papà venire e sempre più spesso aveva dovuto combattere me stesso a cavalcioni di papà e portarlo dentro di me mentre dormiva. Ma sapevo che dovevo essere paziente solo un po 'più a lungo, che saremmo presto in Europa, sapevamo che per dieci settimane saremmo stati insieme e che inevitabilmente avremmo fatto l'amore.

Comunque, stasera avevo deciso di passare la notte nel letto di papà, farlo risvegliare al mio corpo nudo acciambellato contro di lui, preparandolo per quello che doveva venire, per quello che aveva già iniziato a desiderare.

~

"Tesoro, sveglia, cosa stai facendo nel mio letto tesoro?" fu la prima cosa che sentii la mattina dopo mentre mi svegliavo con papà scuotendo dolcemente la mia spalla.

"Oh papà," mormorai mentre mi stavo stirando e muovendo in modo che il lenzuolo di seta scivolasse sotto il mio seno, i miei capezzoli con la punta di rubino saltavano immediatamente dritti. "Ho avuto un incubo, papà, un incubo terribile," dissi con la voce di una bambina mentre mi chinavo verso di lui, lasciandomi sentire il mio capezzolo sfiorargli il petto.

"Ma tesoro, Gesù" iniziò a protestare, i suoi occhi che rastrellavano sul mio corpo maturo e maturo.

"Ma cosa papà?" Lo interruppi, ricordando all'improvviso come mi ero svegliato a tarda notte e sentivo la grande asta di papà pompare un'emissione notturna di salsa bianca e densa sul mio sedere e sulle mie cosce.

"Non lo sei, ... voglio dire che non sei vestito Steffie, sei nudo," si lamentò con una presa nella sua voce.

"Dormo sempre nudo ora papà, proprio come te," dissi sorridendo. "Adoro sentire la morbida seta sulla mia pelle," aggiunsi, sentendo ora la viscosità incrostata che pendeva ancora sulla mia schiena e sulle cosce, lo sperma di papà che mi ricopriva.

"Sei mia figlia dolcezza, sai che la gente non ti capirebbe che stai dormendo nudo nel letto di tuo padre."

"Stai dormendo nudo," ho messo il broncio. "E inoltre, a chi importa cosa pensa la gente?" Ho chiesto come ho insistito insistentemente contro di lui. "Inoltre, mi hai visto nuda prima - Sono tua figlia! E tu sei il mio dottore" aggiunsi indignato "Dovresti vedere il mio corpo, c'è qualcosa di sbagliato in questo?" Ho chiesto di distendermi e allargare le gambe e le braccia, aprendomi all'ispezione di mio padre.

"Certo che non Stef! È solo che sei una ragazza grande ora. Sei diventata una donna dolce," balbettò quando vidi il suo cazzo alzarsi dal suo punto di riposo, allungandosi inesorabilmente verso l'alto contro lo stomaco. "Non è giusto per te dormire nel letto del tuo papà. Non dovresti guardarmi tesoro quando sono nudo", ha insistito quando ha visto i miei occhi andare verso il basso verso il gigante del risveglio.

"Anche se ho avuto un incubo Papà? Ero così spaventato," gemetti spaventato.

Papà non riusciva a impedirsi di tirarmi tra le sue braccia calde, non riusciva a impedirsi di chiedere: "Qual era il tuo brutto sogno per il bambino?"

"Era buio Papà, così buio," sussurrai, le mie labbra a pochi centimetri dalla sua. "Mi hanno attaccato papà, in un vicolo buio, tre di loro, erano così grandi, così brutti ... mi hanno fatto del male papà," aggiunsi, piagnucolando ora.

    Clubs
    Full Link
    Short Link (Twitter)