Ci sono label che hanno segnato epoche, affermato artisti, contribuito alle lotte dei diritti civili, semplicemente hanno fatto la storia della musica.
Ogni episodio, si focalizza monograficamente e cronologicamente sul sound di queste label: Motown, Stax, Chess, Studio One, Trojan, Island record, Prestige, Ninja Tune, Def Jem, Warp, Sub Pop e Tuff Gong.

In onda ogni giovedì alle 15, ideato, prodotto e registrato da missinred missinred.com

Il visionario Berry Gordy, fonda nel 1959 a Detroit, la città dei motori, la Tamia Record, che poi coinfluirà nella Motown, contrazione di Motor-town.
La Motown si contraddistingue per brani upbeat, ballabili, con progressioni di accordi semplici, sorprendenti linee di basso e batterie d’ispirazione funk, caratteristiche che ammalieranno anche il pubblico bianco.
I suoi artisti afroamericani, scalano costantemente le classifiche delle pop chart nazionali internazionali, rendendo così indelebile e imprescindibile il sound Motown.
Etichette in questo primo episodio si focalizza sugli esordi della Motown, sulla creazione e conferma del suo sound dal 1959 al 1970. Questa label rimarrà indipendente fino al 1988, quando verrà poi acquisita dalle major.

TRACKLIST MOTOWN 1959-1970

1 Marv Johnson Come to me 1959
2 Barrett Strong Money that’s all I want 1959
3 The Miracles Shop Around 1960
4 Mary Wells Bye Bye Baby 1960
5 The Marvelettes Please Mr Postman 1961
6 The Marvelettes Twistin’ Postman 1961
7 The Contours Do you love me? 1962
8 Marvin Gaye Stubbord kind of fellow 1962
9 Marvin Gaye You’re a wonderful one 1964
10 Martha and the Vandellas Heath Wave 1963
11 Mary Wells My guy 1964
12 Martha and the Vandellas Dancin in the street 1964
13 The Temptations My girl 1964
14 Junior Walker & the All Stars Shotgun 1965
15 Four Tops I can’t help myself 1965
16 Stevie Wonder Uptight everything is allright 1965
17 The Supremes You can’t hurry love 1966
18 The Jackson 5 I want you back 1970

    R&B e Soul, motown, radioshow, Mixtape, Dj
    • 167 bpm
    • Key: Gm
    Full Link
    Short Link (Twitter)